Dottore Commercialista, Revisore Legale dei Conti e Pubblicista

Consulenza Societaria e Fiscale - Servizi Contabili e Paghe

20 Ago 2019

Scontrini, entro il 2 settembre la sanatoria per i dati di luglio


Chi non ha inviato telematicamente alle Entrate, entro dodici giorni dall’operazione, i dati dei corrispettivi, corredati da «documenti commerciali» emessi da «registratori telematici» a luglio 2019, può ancora evitare le pesanti sanzioni per l’omesso invio trasmettendo i dati all’Agenzia entro il 2 settembre. Questa moratoria è possibile anche per chi ha continuato a emettere i vecchi scontrini o le ricevute fiscali, anche se dal 1° luglio 2019 sarebbe stato obbligato alla memorizzazione e all’invio dei dati tramite i nuovi «registratori telematici».

I nuovi adempimenti Dal 1° luglio 2019, i commercianti al minuto e assimilati dell’articolo 22 del Dpr 633/1972 (tranne quelli esonerati dal decreto 10 maggio 2019, ma compresi minimi e forfettari), che hanno avuto nel 2018 un volume d’affari superiore a 400mila euro, devono: installare un «registratore telematico», che rilasci al cliente il nuovo «documento commerciale»; memorizzare elettronicamente, ogni giorno, i dati relativi ai corrispettivi giornalieri nel «registratore telematico»; trasmettere telematicamente alle Entrate questi dati entro 12 giorni dall’effettuazione dell’operazione. In alternativa, possono emettere una fattura elettronica «contestualmente alla consegna del bene o all’ultimazione della prestazione», «poiché risulta difficile immaginare che il fisco tolleri l’uscita da un negozio (o da un ristorante) senza documento commerciale nella prospettazione che la fattura immediata sarà emessa (trasmessa) entro 12 giorni» (comunicato congiunto Associazione nazionale commercialisti e Confimi del 18 luglio 2019). Dal 1° gennaio 2020, gli adempimenti dovranno essere effettuati anche se il volume d’affari del 2018 è stato inferiore a 400mila euro. La memorizzazione e l’invio dei corrispettivi sostituiscono la registrazione nel registro dei corrispettivi, anche se nella pratica questa contabilizzazione continua a essere effettuata per consentire lo scorporo dell’Iva e il calcolo della liquidazione mensile o trimestrale.

Moratoria sanzioni per sei mesi Le sanzioni per l’omissione di questi adempimenti (articoli 6, comma 3, e 12, comma 2, del Dlgs 471/1997) non si applicano nel primo semestre di vigenza dei nuovi adempienti (quindi, dal 1° luglio al 31 dicembre 2019, per i soggetti con volume di affari superiore a 400mila euro e dal 1° gennaio al 30 giugno 2020 per gli altri) se i dati relativi ai corrispettivi giornalieri vengono trasmessi telematicamente alle Entrate (direttamente o tramite intermediario abilitato), entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, mediante i servizi online dell’Agenzia nel portale «Fatture e corrispettivi» e descritti nel provvedimento 4 luglio 2019 n. 236086. Quindi, non viene effettuata alcuna distinzione tra contribuenti mensili o trimestrali e la prima scadenza, per i corrispettivi del mese di luglio 2019, è il 2 settembre 2019 (il 31 agosto 2019 è un sabato). Pertanto, nel primo semestre di vigenza dei nuovi obblighi, grazie a questo invio telematico dei dati dei corrispettivi, entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, è possibile alternativamente: mettere in servizio il registratore telematico (con il rilascio del nuovo «documento commerciale»), senza procedere all’invio dei dati entro dodici giorni dall’effettuazione dell’operazione; continuare a utilizzare, fino alla messa in uso del registratore telematico, i vecchi scontrini (con memorizzazione giornaliera nei vecchi registratori di cassa non telematici) ovvero le ricevute fiscali, con la loro registrazione obbligatoria nel registro dei corrispettivi (circolare 29 giugno 2019 n. 15/E).

I CORRISPETTIVI TELEMATICI DAL 1 ° LUGLIO 2019 Dal 1° luglio 2019, i soggetti, anche se minimi o forfettari, che effettuano «operazioni di cui all’articolo 22» del Dpr 633/1972, cioè i commercianti al minuto e assimilati (tranne quelli esonerati dal decreto 10 maggio 2019) e che hanno avuto nel 2018 un volume d’affari superiore a 400mila euro devono: installare un «registratore telematico» (istituito con il provvedimento 28 ottobre 2016, n. 182017), che rilasci al cliente il nuovo «documento commerciale», istituito dal decreto 7 dicembre 2016 (e non più lo scontrino o la ricevuta fiscale); memorizzare elettronicamente, ogni giorno, i dati relativi ai corrispettivi giornalieri nel «registratore telematico»; trasmettere telematicamente all’agenzia delle Entrate questi dati entro dodici giorni dall’effettuazione dell’operazione (consegna del bene o pagamento anticipato per le cessioni e pagamento per i servizi, ai sensi dell’articolo 6 del Dpr 633/ 1972)
I PICCOLI DETTAGLIANTI DAL 2020 Dal 1° gennaio 2020, gli adempimenti (registratore telematico, documento commerciale, memorizzazione giornaliera e invio dei corrispettivi entro 12 giorni) dovranno essere effettuati dai soggetti, che effettueranno «le operazioni di cui all’articolo 22» del Dpr 633/1972, anche se con volume d’affari del 2018 inferiore a 400mila euro (articolo 2, commi 1 e 6-ter, del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127, e decreti 7 dicembre 2016 e 10 maggio 2019)
L’ALTERNATIVA DALLA E-FATTURA In alternativa possono emettere, su base volontaria, una fattura elettronica (anche semplificata, per i corrispettivi fino a 400 euro; decreto 10 maggio 2019) «contestualmente alla consegna del bene o all’ultimazione della prestazione» e non successivamente (circolari 4 aprile 1997, n. 97/E, paragrafo 4.3, e 24 giugno 2014, n. 18/E, e comunicato congiunto Associazione nazionale commercialisti e Confimi del 18 luglio 2019)
LE SANZIONI Se la memorizzazione o la trasmissione vengono omesse (o vengono effettuate con dati incompleti o non veritieri), si applica la sanzione del 100% dell’Iva corrispondente all’importo non documentato (articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 471/1997). Inoltre, se nel corso di un quinquennio, vengono contestate quattro distinte violazioni in giorni diversi, scatta la sospensione per un periodo da tre giorni a un mese della licenza o dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività (se l’importo complessivo dei corrispettivi contestati eccede la somma di 50mila euro, la sospensione va da 1 a 6 mesi) (articolo 12, comma 2)
LA MORATORIA SANZIONI NEI PRIMI 6 MESI Le sanzioni non si applicano nel primo semestre di vigenza dei nuovi adempienti, se i dati vengono inviati alle Entrate entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione. Quindi, non viene effettuata distinzione tra contribuenti mensili o trimestrali e la prima scadenza, per i corrispettivi del mese di luglio 2019, è il 2 settembre 2019 (il 31 agosto è un sabato)
LE MODALITÀ DI INVIO Nel periodo di moratoria delle sanzioni, i dati dei corrispettivi possono essere inviati (direttamente o tramite intermediario abilitato) mediante i servizi online messi a disposizione gratuitamente dalle Entrate nel portale «Fatture e corrispettivi» e descritti nel provvedimento 4 luglio 2019 n. 236086

 

Approfondimento dello Studio De Stefani all’articolo di Luca De Stefani su Il Sole 24 Ore del 20 agosto 2019

 

Richiedi una consulenza personalizzata