Dottore Commercialista, Revisore Legale dei Conti e Pubblicista

Consulenza Societaria e Fiscale - Servizi Contabili e Paghe

28 Dic 2018

Formazione 4.0, bonus su misura


La legge di Bilancio 2019 proroga a tutto il prossimo anno il credito d’imposta sul “costo aziendale” dei dipendenti impegnati nella formazione sulle tecnologie previste dal Piano nazionale industria 4.0 e applicate negli ambiti elencati nell’allegato A della legge 205/2017, come già previsto per il 2018 dall’articolo 1, commi da 46 a 56 della legge 205/2017.

L’incentivo è rivolto alle imprese residenti (incluse le stabili organizzazioni di non residenti), indipendentemente dalla loro forma giuridica (individuale, familiare o societaria), dal settore economico in cui operano e dal regime contabile adottato (minimi, forfettari, semplificati o ordinari). Sono esclusi, però, i professionisti (anche se con dipendenti).

L’incentivo consiste in un credito d’imposta, che per le spese sostenute nel 2018 era del 40% (credito massimo annuale di 300mila euro), mentre per quelle del 2019 sarà del 50% per le piccole imprese, del 40% per le medie imprese (limite massimo annuale di 300mila euro) e del 30% per le grandi imprese.

Come per il 2018, anche per il prossimo anno non è agevolato il semplice costo del corso o del master che sarà seguito dall’imprenditore e/o dai suoi dipendenti, ma è incentivato solo il «costo aziendale del personale dipendente» (non del titolare dell’impresa individuale), che sarà sostenuto durante le ore in cui lo stesso sarà occupato nell’attività di formazione 4.0.

Come quest’anno, però, lo “svolgimento” della formazione agevolata deve essere «espressamente» disciplinato da «contratti collettivi aziendali o territoriali», depositati presso l’Ispettorato territoriale del lavoro competente (articolo 14 del Dlgs 151/2015). Inoltre, un’autocertificazione del legale rappresentante dell’impresa (Dpr 445/2000) deve essere rilasciata a ciascun dipendente per attestarne l’effettiva partecipazione (articolo 3, comma 3, decreto 4 maggio 2018).

 

Approfondimento dello Studio De Stefani all’articolo di Luca De Stefani su Il Sole 24 Ore del 28 dicembre 2018

 

Richiedi una consulenza personalizzata