Dottore Commercialista, Revisore Legale dei Conti e Pubblicista

Consulenza Societaria e Fiscale - Servizi Contabili e Paghe

06 Dic 2019

Esterometro trimestrale ma con invio entro la fine del mese successivo


Via libera alla modifica da mensile a trimestrale della periodicità dell’invio dell’esterometro. A prevederlo è la modifica , approvata il 4 dicembre 2019 dalla commissione Finanze alla Camera in sede di conversione in legge del Dl 124/2019, che ha previsto l’invio trimestrale «entro la fine del mese successivo al trimestre di riferimento».

 

La comunicazione dei dati delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi (anche se non rilevanti ai fini Iva in Italia) effettuate e ricevute verso o da soggetti non residenti e non stabiliti, oltre che soggetti identificati in Italia (cosiddetto esterometro), pertanto, dovrà essere inviata «trimestralmente entro la fine del mese successivo al trimestre di riferimento» (articolo 1, comma 3-bis, decreto legislativo 127/2015).

 

La decorrenza

L’emendamento, però, non prevede alcuna specifica data di entrata in vigore o di efficacia della norma, quindi, sorgono dubbi circa l’applicazione della periodicità trimestrale già per gli esterometri dei mesi di novembre e dicembre 2019. Il Dl 124/2019, infatti, dovrà essere convertito in legge prima della scadenza dell’invio della comunicazione mensile di novembre 2019, prevista per la fine di dicembre 2019.

 

Se dovesse essere confermata l’efficacia già per l’esterometro di novembre 2019, l’invio di quest’ultimo dovrà essere effettuato entro il 31 gennaio 2020 e non entro il 31 dicembre 2019, assieme all’invio di quello di dicembre 2019. Ci si dovrà comportare come per la trasmissione telematica scaduta lo scorso 30 aprile 2019 degli esterometri di gennaio, febbraio e marzo 2019, a seguito della proroga dei primi due rispettivamente dal 28 febbraio 2019 e dal 31 marzo 2019.

 

L’efficacia immediata del passaggio da mensile a trimestrale, però, comporterebbe la continuazione dell’invio di singoli file mensili, quando, invece, sarebbe preferibile iniziare dal 2020, con nuove specifiche tecniche e con l’invio di un unico file con tutti i dati delle operazioni del trimestre.

 

Consumatori finali non residenti

Va ricordato che l’esterometro deve essere inviato anche per le operazioni verso i consumatori finali non residenti in Italia, tranne nei casi degli esercenti che emettono fatture per le operazioni di «tax free shopping», le quali vengono trasmesse al sistema Otello (risposta 7 febbraio 2019, n. 8). Anche per le prestazioni sanitarie effettuate nei confronti di persone fisiche non residenti, i dati delle relative fatture (non elettroniche anche nel 2020, per il divieto previsto dall’articolo 10-bis, decreto legge 23 ottobre 2018, n. 119) non vanno comunicati nell’esterometro, ai fini della tutela dei dati personali legati alla salute delle persone, come individuata nel provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali del 15 novembre 2018 (risposta 1° agosto 2019, n. 327).

 

Approfondimento dello Studio De Stefani all’articolo di Luca De Stefani su Il Sole 24 Ore del 6 dicembre 2019

 

Richiedi una consulenza personalizzata

Post Tagged with