Dottore Commercialista, Revisore Legale dei Conti e Pubblicista

Consulenza Societaria e Fiscale - Servizi Contabili e Paghe

12 Dic 2018

Come si accede ad app e software delle Entrate?


Per predisporre il file Xml della e-fattura da trasmettere allo Sdi, l’agenzia delle Entrate ha reso disponibili gratuitamente una procedura web, denominata «Fatture e corrispettivi», un software da installare sul pc ovvero un’app per cellulari. Se non si è in grado di utilizzare questi servizi gratuiti (o un software privato di terzi, a pagamento) è possibile affidare la predisposizione, l’invio e la gestione delle fatture a un intermediario appositamente abilitato.

TRASMISSIONE DELLE E-FATTURE

Una volta predisposta la e-fattura in formato Xml, per trasmetterla allo Sdi, se si decide il «fai-da-te», è possibile utilizzare una delle seguenti modalità: si può allegare il file della e-fattura a una pec (posta elettronica certificata), dove l’indirizzo per il primo invio è «sdi01@pec.fatturapa.it»; si possono utilizzare i servizi informatici messi a disposizione gratuitamente per l’invio dalle Entrate, il portale online «Fatture e corrispettivi» e l’app «FatturAE». Chi utilizza il software da installare sul pc, per predisporre l’e-fattura, invece, per l’invio deve usare il portale web «Fatture e corrispettivi» o la posta elettronica certificata.

FATTURE E CORRISPETTIVI

Il portale «Fatturazione elettronica» si trova all’interno della propria area riservata del sito delle Entrate, cioè Fisconline (o Entratel, il quale deve essere usato se si è obbligati a inviare la dichiarazione dei sostituti d’imposta, il 770 per più di 20 soggetti); questo servizio web è accessibile mediante Spid (sistema pubblico di identità digitale), il “certificato digitale” di autenticazione personale della Carta nazionale dei servizi (Cns) o le credenziali di Fisconline o Entratel. Nel portale «Fatturazione elettronica», si trova il link per accedere alla procedura web necessaria sia per la predisposizione sia per la trasmissione delle fatture elettroniche.

IL SOFTWARE PER PC

Il software delle Entrate, da installare nel proprio pc, è scaricabile dal sito internet delle Entrate, nella area tematica dedicata alla fatturazione elettronica. Una volta scaricato, questo software permette di predisporre l’e-fattura anche in assenza di una connessione a internet. Il software permette solo di predisporre la fattura elettronica, ma non di inviarla. Una volta terminata la predisposizione della fattura, infatti, il file Xml, salvato sul proprio pc, potrà essere inviato tramite la proceduta web del portale «Fatture e corrispettivi». In alternativa, si potrà trasmettere la fattura in formato Xml via pec, inviandola come allegato all’indirizzo «sdi01@pec.fatturapa.it».

L’APP

L’app per cellulari «FatturAE» è scaricabile dagli store Android o Apple ed è accessibile con le credenziali con cui si accede al portale «Fatture e corrispettivi». L’app consente sia di predisporre sia di trasmettere la fattura elettronica allo Sdi.

LA DELEGA A TERZI

I contribuenti possono delegare gli intermediari, che sono abilitati alla trasmissione delle dichiarazioni fiscali (articolo 3, comma 3, del Dpr 322/98), ad accedere e operare nei seguenti 5 servizi di fatturazione elettronica gestiti dalle Entrate: la «consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici», la «consultazione dei dati rilevanti ai fini Iva», la «registrazione dell’indirizzo telematico», la «fatturazione elettronica e conservazione delle fatture elettroniche» e l’«accreditamento e il censimento dispositivi».

Quest’ultimo servizio è dedicato agli installatori dei registratori di cassa, mentre le due deleghe per la «consultazione dei dati rilevanti ai fini Iva» e la «registrazione dell’indirizzo telematico» sono comprese in quella della «consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici». Quindi, per i consulenti fiscali, sarà sufficiente ricevere quest’ultima delega e quella per la «fatturazione elettronica e conservazione delle fatture elettroniche» (oltre che quella per il «cassetto fiscale delegato») per poter utilizzare i servizi telematici delle Entrate, in modo quasi completo, per conto dei propri clienti.

Se un intermediario viene delegato solo al servizio di «consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici» non può predisporre e trasmettere le fatture elettroniche tramite lo Sdi e non può gestire e visualizzare il servizio delle Entrate di conservazione delle e-fatture.

Per poter operare in questo senso, invece, deve ricevere la delega per il servizio di «Fatturazione elettronica e conservazione delle fatture elettroniche», il quale peraltro, assieme a quello di «accreditamento e censimento dispositivi», può essere delegato anche a intermediari diversi da quelli indicati nell’articolo 3, comma 3, Dpr 322/98, come alle software-house.

Deleghe che possono essere date solo agli intermediari indicati nell’articolo 3, comma 3, del Dpr 322/1998, cioè quelli che possono presentare telematicamente le dichiarazioni fiscali tramite entratel (tra gli altri, i dottori commercialisti e gli esperti contabili, i consulenti del lavoro, gli avvocati, i revisori legali dei conti, i dottori agronomi e forestali, gli agrotecnici, i periti agrari, i notai, le società tra professionisti, iscritte all’albo dei dottori commercialisti o dei consulenti del lavoro, i responsabili dei Caf-dipendenti e pensionati o Caf-impresa) 1) Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici
2) Consultazione dei dati rilevanti ai fini iva

(funzioni comprese

nella prima delega)

3) Registrazione dell’indirizzo telematico (funzioni comprese nella prima delega)
Deleghe che possono essere date anche a intermediari diversi da quelli indicati nell’articolo 3, comma 3, del Dpr 322/1998, come, ad esempio, a software-house o a installatori di registratori di cassa 4) Fatturazione elettronica

e conservazione delle fatture elettroniche

5) Accreditamento e censimento dispositivi

 

Approfondimento dello Studio De Stefani all’articolo di Luca De Stefani su Il Sole 24 Ore del 12 dicembre 2018

 

Richiedi una consulenza personalizzata